Tutte le salite del mondo

Una sosta (forzata) dalla routine mi ha regalato la possibilità di leggere libri accumulati nei mesi, fare progetti per i prossimi viaggi, le prossime avventure a pedali.

Complice l’influenza di questi giorni ho potuto pedalare con la fantasia su Tutte le salite del mondo.

Nel libro Riccardo racconta il suo folle 2013 durante il quale ha partecipato ad una serie impressionante di gare estreme (dal triathlon alle GF più dure al mondo), con un unico obiettivo: arrivare in fondo.

Sarò sincero, il libro non è un best seller, uno di quelli che ti tiene sveglio fino alle tre del mattino  e che ti fa chiudere di nascosto nel bagno dell’ufficio per poter leggere ancora almeno una pagina. Forse perché non mi sono ritrovato fino in fondo nell’avventura di Riccardo o forse perché “i diari” non mi sono mai piaciuti.

Un merito, grande, questo libro però ce l’ha. E‘ un racconto di sport, vero. 263 pagine di sudore, fatica, ricerca del limite.

“Where is the limit?”. Non so come spiegarlo ma è proprio lì, per me, il bello. Superare il limite. Ogni passo in avanti, ogni passo in quella direzione è il mio modo di rispondere a quella domanda che mi ritornava in mente, come un chiodo fisso, prima della partenza. Chi te lo fa fare? Il limite. Oltrepassare quel muro. E’ questo il senso.”

Sicuramente il mio limite è molto più umano di quello di Riccardo, sicuramente non ho la sua costanza e la sua dedizione alla fatica. Nel mio piccolo però conosco molto bene  quella sensazione di svuotamento, descritta più e più volte nel libro, che ti coglie alla fine di una lunga prestazione sportiva. Ed è proprio la ricerca di quella sensazione che mi fa amare così tanto la sport.

Edito da Ediciclo al prezzo di copertina di 14,9€

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *